ketchup

Come fare il ketchup in casa

Di in Cucina on 18 novembre 2014

Chi di noi non ha mai assaggiato una porzione di patatine fritte con del ketchup? Questa speciale salsa di pomodoro aromatica è molto conosciuta nel mondo, eppure non tutti sanno che è molto versatile e la si può preparare anche a casa, con degli abbinamenti particolari che vanno oltre le chips. Vediamo come.

Un po’ di storia (in breve)

 In origine questa salsa nasce come alimento a base di pesce in oriente: si pensa che il suo nome derivi dal malese kecap, che vuol dire “salsa a base di pesce”. Per prepararlo si utilizzavano infatti sardine in salamoia. Le prime tracce del ketchup in Europa si fanno risalire al diciassettesimo secolo, quando i cuochi di corte cominciano a cambiarne la ricetta aggiungendo altri ingredienti come funghi, noci etc. Il pomodoro entra nella sua preparazione solo nel secolo successivo. Ma il ketchup diventerà una salsa conosciuta a livello mondiale solo quando l’americano Henry Heinz comincerà a porla in commercio nel 1872, con la ricetta che l’azienda omonima utilizza ancora oggi.

 Con quali cibi abbinarlo

A parte le solite patatine fritte, oppure gli hamburger e gli hot dog, cibi che immediatamente fanno pensare ad un accompagnamento con la nostra salsa, il ketchup si sposa bene anche con le carni arrosto o alla griglia, magari mischiato ad una gradevole polpa di mela verde, che ne esalta il gusto agrodolce. Anche sulle uova o le verdure in tempura è perfetto, e addirittura si può osare in abbinamento con il pesce: provatelo con il crostacei o con il salmone, nella sua variante salsa rosa (mischiato, cioè, ad una maionese delicata).

Come prepararlo in casa

Preparare il ketchup in casa non è difficile, basta avere tutti gli ingredienti necessari per riprodurre la ricetta originale di Heinz. Per circa due porzioni serviranno: 50 ml di olio extravergine di oliva, 400 gr. di polpa di pomodoro, mezza cipolla, mezza carota, un gambo di sedano, 50 ml. di aceto di vino rosso, 50 gr. di zucchero, 6 gr. di sale, 1 spicchio di aglio, 1 foglia di alloro, 1 rametto di timo, 1 cucchiaino di maizena, spezie (1 pezzetto di zenzero, una spolverata di cannella, 2 chiodi di garofano, senape q.b.). Tritate aglio, cipolla, carota e sedano e fate appassire nell’olio. Aggiungete il pomodoro e tutti gli altri ingredienti e fate cuocere per circa 15 minuti a fuoco lento. A questo punto incorporate a questo primo sughetto lo zucchero, il sale, la maizena e l’aceto, mescolando con un cucchiaio di legno. Lasciate sul fuoco per circa 1 ora, controllando che non si asciughi. Alla fine del tempo trascorso spegnete il fuoco e frullate il tutto con un minipimer. Fate raffreddare e servite in tavola in una salsiera.

Varianti

Alcune varianti nella preparazione prevedono lo zucchero di canna invece di quello bianco, la paprica e le mele verdi al posto delle spezie: sicuramente il gusto sarà più delicato ed adatto per il pesce (per i fritti, invece, meglio la versione classica).

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>