ufficio

Come rendere il vostro ufficio meno noioso

Di in Lavoro on 22 dicembre 2014

Lavorare è una necessità, ma molto spesso diventa un’incombenza che può creare diversi disagi. Ormai è stato scientificamente dimostrato come, soprattutto alla fine ferie, si possa soffrire di disturbi di salute dovuti al rientro in ufficio. Certo, aver lasciato paesaggi come quelli di montagna, con verdi vallate, o marini, con lunghe distese di sabbia calda e acqua cristallina, per poi ritrovarsi chiusi tra le pareti ufficio grigie e noiose è abbastanza traumatico.

Sono stati svolti molti studi a riguardo che hanno dimostrato come un ambiente di lavoro allegro e piacevole possa stimolare la produttività degli impiegati. Del resto, come può essere piacevole fare un lavoro magari di per sé noioso quando tutto ciò che ci circonda è privo di personalizzazione, asettico, se non proprio brutto? Come fare per rendere più gradevole il proprio ambiente lavorativo e metterci di buon umore davanti allo schermo del PC? Naturalmente non possiamo stravolgere il contesto, soprattutto se ci si trova a lavorare per grandi aziende e in un open space.

L’unica soluzione plausibile, a meno che non si discuta di un possibile cambio d’arredo d’accordo con tutti i colleghi e i propri datori di lavoro, è quella di personalizzare, per come si può, la propria postazione. Se si lavora in un piccolo ufficio, magari di una piccola o media impresa, riuscire a ottenere un rinnovo dei locali è più semplice. Se si è tutti d’accordo si può optare per una nuova colorazione delle pareti o per l’aggiunta di elementi d’arredo, di piccoli accessori che fanno la differenza. I colori per le pareti ideali sono tenui, rilassanti, ma non troppo noiosi.

Abolito il grigio o “grigiolino” che fa tanto inverno e tanta tristezza. Meglio optare per un colore classico ma molto stemperato, come un verde chiarissimo o un beige. Negli open space la situazione è più complessa. Si può però provare a rendere più gradevole la propria postazione. Se questa è fissa, basterà portare una piccola cornice con la foto del nostro bambino o del proprio partner, o perché no, dell’animale domestico di casa. Guardare anche solo per brevi istanti un volto familiare stimola i neuroni e ridona buonumore.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>