Come-sbiancare-i-denti-in-modo-naturale

Come mantenere denti forti e gengive sane

Di in Ogni giorno on 17 marzo 2016

Effettuare visite dentistiche regolarmente è importante se l’intenzione è quella di mantenere i denti e le gengive sani. L’ideale sarebbe recarsi dal dentista almeno un paio di volte l’anno per un controllo anche in via preventiva.

Prima di passare a vedere cosa succede ogni volta che ci rechiamo presso uno studio medico specializzato, è d’obbligo la raccomandazione di scegliere studi di dentista italia, evitando la fuga all’estero che pare garantire cure meno costose, la cui qualità non può essere provata.

Detto questo, torniamo alla nostra visita che, normalmente, si divide in due parti: la prima è il check-up, la seconda la pulizia dei denti.

Per prima cosa, il vostro dentista effettuerà un controllo della bocca al fine di verificare la presenza di carie, eventuali rotture, vecchie otturazioni che necessitano di essere sostituite, ma anche la presenza di placca o tartaro sui denti. La placca è uno strato di batteri che aderisce ai vostri denti. Se non rimossa può indurirsi e diventare tartaro. Purtroppo, non è possibile rimuovere il tartaro con un normale spazzolino ed il filo interdentale, ma sono necessari appositi strumenti utilizzati ad arte da un professionista. Se la placca ed il tartaro si accumulano sui denti, è garantito l’insorgere di malattie orali, con conseguente disagio in tutto il corpo.

Il controllo comprenderà anche le gengive che verranno valutate con un apposito strumento per misurare gli spazi tra denti e gengive. Se le gengive sono sane, gli spazi sono poco profondi, mentre in presenza di malattie gengivali, gli spazi incrementano.

Normalmente, il check-up dovrebbe concludersi con una visita di lingua, gola, viso, testa e collo. L’intento è quello di ricercare eventuali segni di gonfiore o ad altri indicatori di malattie serie.

Terminata la prima fase, il dentista passerà alla pulizia vera e propria.

Come detto sopra, è impossibile rimuovere placca e tartaro con attrezzi casalinghi come spazzolino e filo interdentale. Ciò che è possibile fare, invece, è effettuare una accurata pulizia dei denti dopo ogni pasto così da ridurre la formazione dei batteri responsabili della formazione di placca e tartaro.

La produzione di tartaro, in ogni caso, è soggettiva e la frequenza della pulizia dovrà essere vista con il proprio dentista a seconda delle esigenze personali.

In ogni caso, il tartaro verrà rimosso con l’uso di un apposito macchinario ed anche manualmente con una sorta di bisturi uncinato che “artiglia” il nemico e libera i denti.

Dopo queste operazioni, i denti potranno essere lucidati. Quali sono i vantaggi estetici della pulizia? La cosa che si nota subito è un bocca più fresca, cui segue una maggiore brillantezza della propria dentatura. La pulizia, infatti, aiuta anche a rimuovere eventuali macchie superficiali presenti sui denti.

Cosa fare, invece, tra una visita e l’altra per mantenere il lavoro del vostro dentista?

Prendersi cura personalmente dei propri denti non significa semplicemente recarsi dal dentista due volte l’anno, ma come detto più sopra, effettuare una pulizia quotidiana dei denti dopo ogni pasto. Spazzolare bene i denti con un dentifricio di qualità e passare il filo interdentale sono pratiche di igiene che aiutano a mantenere un sorriso smagliante!

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>