pavimenti_esterno_porfido_home_5_a

Come posare il porfido: l’importanza di utilizzare la resina per la sigillatura

Di in Hobby e bricolage on 21 novembre 2017

Si è soliti credere che per ottenere un pavimento esterno semplicemente incredibile sia di fondamentale importanza scegliere un materiale di alta qualità. Niente di più vero, solo optando infatti per materiali di prima scelta si ha la possibilità di rendere il proprio pavimento davvero bello e soprattutto davvero molto resistente, un pavimento che non teme niente, né gli agenti atmosferici, né il passaggio di un numero molto elevato di persone, né la movimentazione di macchine o altri mezzi di trasporto davvero molto pesanti.

Tra i materiali migliori e di più elevata qualità che ci sentiamo in dovere di ricordare, c’è il porfido del Trentino, disponibile ovviamente sia in cubetti che in piastrelle a seconda delle proprie esigenze personali e in innumerevoli formati. Il porfido del Trentino è in assoluto infatti il materiale più resistente che sia possibile scovare per gli ambienti esterni, dotato inoltre di un’eleganza e di una bellezza senza tempo che lo rendono perfetto per ogni genere di realizzazione. E, a differenza di ciò che molte persone credono, non si tratta di un materiale ideale solo per lo stile rustico: molto versatile infatti, riesce ad adattarsi anche agli ambienti moderni senza alcun tipo di difficoltà.

Credere però che per ottenere un pavimento esterno semplicemente incredibile sia importate solo ed esclusivamente la scelta del materiale è del tutto sbagliato. Anche la posa lo è altrettanto. Credeteci, potete avere i cubetti di porfido più belli del mondo intero e di più elevata qualità, ma se verranno posati nel modo sbagliato il vostro pavimento non sarà mai bello e soprattutto non riuscirà a resistere a lungo nel tempo; come posare il porfido allora per riuscire a dare vita ad un pavimento bello e al tempo stesso funzionale?

Prima di tutto dovete assolutamente evitare il fai da te. Dovete necessariamente fare affidamento anzi su delle ditte altamente professionali, che abbiano possibilmente anche una lunga esperienza alle spalle in questo settore e che siano in grado di garantire una posa pulita, veloce, priva di qualsivoglia errore. La posa poi deve essere realizzato con la resina, un materiale questo che permette di sigillare tra loro i cubetti o le piastrelle in porfido in modo davvero incredibile. Con la resina è del tutto impossibile che gli elementi in porfido si spostino dalla loro collocazione, neanche per un millimetro, neanche sotto pesi davvero molto intensi, neanche a seguito di violente e continue vibrazioni. Il pavimento insomma manterrà intatta la sua bellezza per sempre. La resina inoltre permette di rendere questo materiale naturale così durevole ancora più resistente, capace di non rovinarsi mai quindi, in qualunque situazione avversa dovesse trovarsi come, ad esempio, il contatto con sostanze acide oppure il passaggio dalle gelate al disegno in brevissimo tempo.

Sono molte le ditte professionali in grado di garantirvi tutto questo su cui potete decidere di fare affidamento. Tra le migliori, c’è Patrik Porfidi, specializzato in pavimenti in esterno in porfido del Trentino posati con resina, ma che tratta ovviamente anche altri materiali, così da garantire la massima personalizzazione possibile di ogni ambiente outdoor e la massima soddisfazione di ogni cliente, anche di quelli in assoluto più esigenti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>