pexels-photo-241197

Come vendere un’auto sinistrata

Di in Senza categoria on 31 gennaio 2017

Vendere l’auto sinistrata è difficile ma non impossibile. L’unico modo per riuscirci senza perderci troppo in termini di guadagno è informarsi bene sulle eventuali riparazioni e decidere la strada da percorrere, in base anche al denaro che si vorrebbe rischiare di investire. Le strade infatti, sono essenzialmente due:

Vendere la macchina a un privato: per vendere l’autovettura a un privato dovrete quasi necessariamente ripararla e tener conto del costo necessario a coprire le spese di carrozziere e pezzi di ricambio. Un privato, salvo che si tratti di un collezionista o di un vero appassionato, difficilmente acquisterà un’automobile incidentata così com’è, accettando di ripararla a sue spese. In questo caso affidarsi a un carrozziere di fiducia è d’obbligo e cercare la competività anche nei ricambi (magari acquistandoli online) è essenziale. Meno spenderete e migliore sarà la resa estetica, maggiori saranno le probabilità di ottenere guadagni più alti.

Vendere la macchina a un’azienda: se decidete di vendere l’auto sinistrata ad un concessionario sarà tutto più semplice. Di solito parliamo di agenzie che hanno già meccanici e carrozzieri di fiducia a disposizione e che, data anche la mole di lavoro commissionata ogni mese, possono permettersi di accedere ad un listino prezzi nettamente differente da quello al quale normalmente accederebbe un privato. In questo caso potrebbero riparare loro la vettura ma, per forza di cose, vorranno tirarvi il prezzo per pagarla meno della cifra da voi proposta, per tentare un guadagno quanto più consistente possibile.

Incidente auto, fidarsi o no del consiglio degli amici?

In situazioni del genere c’è passato più o meno chiunque ed è quindi molto facile che, trovandosi a parlare della futura vendita tra amici, ognuno dica la sua. Chiunque prima o poi nel corso della propria vita si è dovuto rivolgere a un carrozziere, e in molti sviluppano una sorta di rapporto di fiducia con quest’ultimo. Il “carrozziere di fiducia” è difficile da trovare ma, a quanto sembra, una volta trovato non lo si lascia mai più. Ma perché accade questo?
In realtà è molto semplice.
Vendere l’auto sinistrata è di per sé molto difficile e si va incontro a drastici deprezzamenti, anche quando il sinistro è minimo e il danno alla vettura è pressoché inesistente. E a causa della lecita ignoranza della clientela comune nel settore delle riparazioni è poi molto facile incappare in truffatori e/o semplici speculatori. I carrozzieri e i meccanici, soprattutto quando capiscono che non avete le idee chiare, tendono a pompare eccessivamente il prezzo facendovelo passare per giunta come “prezzo di favore”, quando in realtà non stanno facendo altro che truffarvi. Ma come fare a rendersene conto? E’ molto semplice, qui tornano in gioco gli amici e i consigli che saranno in grado di dispensarvi. Chieder loro di accompagnarvi a fare visita al carrozziere di fiducia di turno vi permetterà di farvi un’idea riguardo ai costi effettivi del lavoro e potrete rendervi conto della convenienza (qual’ora ci fosse) dei preventivi che avete già in mano.

Perché affidarsi a un carrozziere di fiducia?

Se state quindi cercando di vendere l’auto sinistrata non affidatevi al primo carrozziere né tantomeno al secondo al quale andate a far visita. Fate prima un giro da un carrozziere di fiducia, che vi metta per iscritto il lavoro da svolgere stilando un preventivo con tutti i prezzi relativi alla manodopera. Solo successivamente recatevi poi da altri professionisti del settore e provate a chieder loro altri preventivi, dando a vedere durante la visita che sapete benissimo quali sono le esigenze della vostra autovettura, cosa va fatto e cosa invece non serve o è un di più. Dimostrandovi consapevoli riuscirete ad ottenere prezzi più onesti e, chissà, magari troverete anche voi il vostro carrozziere di fiducia e sarà diverso da quello suggeritovi dagli amici. Affidatevi soltanto a professionisti e i risultati saranno garantiti!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>