Come scegliere cuffie antirumore

Di in Lavoro on 22 ottobre 2018

Come scegliere cuffie antirumore è la nostra guida per accompagnare il lettore nella fase di acquisto di questo importante strumento di protezione del proprio udito e della propria salute. Le cuffie antirumore sono classificate infatti tra i dispositivi di protezione individuale e sono considerate raccomandate o addirittura obbligatorie in alcuni ambiti per proteggere l’udito di chi lavora in settori con rumori pericolosi.

Il loro funzionamento è molto semplice: sono state progettate per essere strumenti di protezione dell’udito, basta posizionarle sulle orecchie per attutire gli stimoli sonori ed evitare che rumori troppo intensi possano danneggiare l’udito. Bisogna ricordare che il danno acustico può arrivare a seguito dell’esposizione prolungata a rumori pericolosi, ma anche in seguito alla singola esposizione ad un rumore forte. In alcuni casi l’alterazione dell’udito è temporanea e con il tempo il soggetto torna a sentire come sempre, in altre situazioni il danno è irreversibile. Per questo motivo è importante sapere come scegliere delle cuffie antirumore adatte, per evitare di andare incontro ad un danneggiamento irreparabile della propria capacità acustica.

L’importanza delle cuffie antirumore è sottolineata dal fatto che questi dispositivi rientrano nella normativa per la protezione della salute dei lavoratori. Ci sono alcuni ambienti di lavoro in cui si ha l’esposizione a rumori assordanti ed intensi e nei quali è dunque obbligatorio indossare le cuffie da lavoro. Per comprendere come scegliere cuffie antirumore bisogna analizzare le caratteristiche dei suoni ai quali si è esposti, perché non tutti i rumori sono uguali tra loro.

Le cuffie possono essere state progettate per isolare completamente l’individuo dai rumori esterni, o anche per isolare solo parzialmente il lavoratore. Esistono poi in commercio diverse varianti di cuffie da lavoro e la scelta deve ricadere sulla tipologia che meglio si adatti alle specifiche esigenze. Si può scegliere fra cuffie auricolari, cuffie circumaurali, cuffie sovraurali e cuffie intrauricolari.

Tra le migliori soluzioni presenti in commercio segnaliamo le bilsom viking v1, con archetto ruotabile e indeformabile, tecnologia Air Flow Control per attenuare i rumori su tutte le frequenze e cuscinetti a scatto. Un punto di forza di questo modello è che può essere facilmente abbinato ad altri strumenti per la protezione dei lavoratori, consentendo di ottenere senza difficoltà una protezione completa a trecentosessanta gradi. Parlando di come scegliere cuffie da lavoro, bisogna dunque valutare anche la possibilità di integrare le cuffie ad altri dispositivi di protezione individuale. Una facile integrazione costituisce sicuramente un punto a favore del modello che lo consente, perché rende più semplice la protezione del lavoratore.

Oltre alle cuffie da lavoro, sono disponibili in realtà anche altri strumenti per proteggere l’udito dei lavoratori. Ad esempio, sono stati progettati degli inserti auricolari con archetto, che svolgono di fatto la stessa funzione delle cuffie e che costituiscono una soluzione adottata da molte realtà aziendali. Questo strumento è apprezzato sia per il suo peso ridotto, sia per la possibilità di modellare il prodotto sulla base del canale uditivo di chi dovrà utilizzarlo. Altra opzione per proteggere l’udito è quella dei tappi antirumore, anche questi utili in alcuni ambienti lavorativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *