Come utilizzare un sollevatore per anziani?

Di in Salute e benessere on 29 novembre 2016

Il sollevatore per anziani è uno dei dispositivi maggiormente utilizzati sul mercato dei prodotti medicali per facilitare le persone con difficoltà motorie in fase di seduta e di alzata. Come funziona un sollevatore per anziani? Bisogna fare una prima distinzione tra sollevatore manuale e sollevatore automatico. Il sollevatore manuale è dotato di due bracci fissi, su cui le persone anziane o disabili possono far leva nel momento in cui vanno in bagno, per espletare i propri bisogni fisiologici. Il sollevatore automatico ha la stessa e identica funzione, con la differenza che si aziona tramite un pratico telecomando posizionato direttamente sulle maniglie. Sul mercato ne esistono diversi modelli e vari tipi, con motore certificato e con un design molto accattivante, grazie al quale possono adattarsi a qualsiasi tipologia di bagno.

Questi dispositivi sono molto utili per passare dalla posizione eretta a quella seduta, e da quella seduta a quella eretta per appoggiarsi sul water. Con questo sistema si ridurrà al minimo anche il pericolo di cadere, scivolare o inciampare, restituendo alle persone anziane dignità e autonomia. I sollevatori automatici possono sorreggere qualsiasi tipologia di peso, con la facoltà di scegliere l’altezza a cui fermare il dispositivo in base alla statura della persona che ne fa uso. Sono modelli molto facili da usare, ma che possono dare un grandissimo aiuto alle persone disabili o anziane, che hanno difficoltà motorie, nell’espletare i propri bisogni fisiologici. Inoltre i sollevatori wc per anziani sono anche multifunzionali, poiché possono tranquillamente essere spostati in altre stanze della casa per aiutare le persone con disabilità motorie ed alzarsi o abbassarsi.

Per esempio il sollevatore, sia manuale che automatico, può essere posizionato nei pressi del letto oppure di una poltrona. Così le persone anziane o disabili, quando avranno necessità di alzarsi dal letto o dalla poltrona, potranno aiutarsi con questo pratico dispositivo facendo leva sui bracci, e senza sforzi eccessivi sulle gambe che potrebbero essere atrofizzate dopo molto tempo di inattività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *