creare-sac-a-poche

Come creare una sac à poche

Di in Cucina on 21 luglio 2016

Per creare una sac à poche, vale a dire una tasca da pasticcere, è sufficiente un semplice foglio di carta da forno di forma rettangolare. Per quel che riguarda le dimensioni, si può optare per una lunghezza compresa tra i 35 e i 45 centimetri e per una larghezza pari a circa 30 centimetri, anche se si può variare senza troppi problemi. Bisogna ricordare che, nel momento in cui viene tagliata, la carta da forno ha la tendenza ad arrotolarsi su sé stessa: per appiattirla, quindi, è necessario tenere con una mano una estremità del foglio e con l’altra mano l’altra estremità, facendolo scorrere contro il bordo del tavolo avanti e indietro. A questo punto serve un righello, che deve essere appoggiato sul foglio in diagonale: tenendo il foglio di carta da forno fermo con una mano, con un coltello o un paio di forbici lo si taglia seguendo la diagonale, in modo da ottenere due triangoli. Ognuno di essi può essere utilizzato per creare una sac à poche.

Ora occorre posizionare sul piano di lavoro il triangolo, prendendo il suo angolo destro e sovrapponendolo al vertice, in modo da dare vita a un cono. L’angolo destro deve essere tenuto con il vertice del triangolo, mentre l’angolo sinistro va avvolto attorno al lato opposto in maniera tale che arrivi a toccare sul retro del triangolo la parte superiore: è fondamentale chiudere la punta del cono.

Ora i due angoli vanno tenuti uniti e poi ripiegati verso il basso dentro la sacca: per aiutarsi, nulla vieta di ricorrere a una pinzatrice per tenere fermi i due lembi. La sacca da pasticcere è quasi pronta: non resta altro da fare che piegare la punta del cono. In alternativa, si possono utilizzare anche dei beccucci in metallo o in plastica, a forma di fiore o di stella: per inserirli bisogna incidere la punta della sacca e introdurre in fondo al cono il beccuccio che si vuole adoperare.

Per realizzare le decorazioni, si riempie la sac à poche con quel che si vuole: cioccolato, albume montato a neve, panna montata, e così via. Per un lavoro migliore, la sacca deve essere riempita al massimo fino a un terzo, così che schiacciarla sia facile: una volta riempita, bisogna piegare verso il basso i lembi superiori, piegando più e più volte come se si avesse a che fare con un tubetto di dentifricio, per fare sì che il contenuto arrivi in fondo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>