youth-active-jump-happy-40815

Come mantenersi giovani: prevenzione e dieta

Di in Salute e benessere on 1 febbraio 2017

I segreti di una lunga vita sono abitudini sane, un’alimentazione completa ed equilibrata ed un’attenta opera di prevenzioneFare sport è importante, per essere in forma e per mantenere i muscoli sempre tonici. A tavola non bisogna fare la fame, ma è sufficiente non eccedere e consumare una gran varietà di cibi con la giusta moderazione. Ed infine, come ci insegna la farmacia Pelizzo, che offre servizi di esami del sangue a Udine e che ha stilato un elenco degli esami medici a cui sottoporsi, è importante un’opera di prevenzione. Come recita una vecchia e famosa pubblicità “prevenire è meglio che curare”, quindi è opportuno fare determinati test per monitorare costantemente la propria salute, soprattutto dopo aver superato la soglia dei 40 anni.

Quali esami bisogna fare? Per rispondere a questo domanda vi consiglio di rivolgervi al vostro medico curante, che conosce il vostro quadro clinico e può accertarsi se in famiglia ci sono malattie ereditarie con appositi esami specifici. É importante tenere sotto controllo il colesterolo totale, cioè sia quello buono che quello cattivo, così come è opportuno misurare la pressione sanguigna almeno una volta all’anno. Per monitorare la salute cardiovascolare i medici consigliano anche di sottoporsi all’elettrocardiogramma sotto sforzo. In base ai risultati ottenuti il medico valuterà se sia il caso di intervenire con appositi farmaci, dandovi suggerimenti utili per avere uno stile di vita più corretto.

Fondamentale è anche la prevenzione contro i tumori. A tal proposito bisogna fare una tirata di orecchie ai maschi italiani, in quanto il 66% di loro trascura la visita alla prostata, che invece è una zona maschile piuttosto delicata e spesso colpita dalla formazione di masse tumorali. Le donne che hanno superato i 40 anni invece dovrebbero sottoporsi almeno una volta ogni due anni al pap-test, un esame medico che permette di individuare eventuali lesioni pretumorali al collo dell’utero, che sono curate con successo nel 100% dei casi. La mammografia è un altro esame altrettanto importante da ripetere una volta ogni due anni, al fine di ridurre la trasformazione maligna di lesioni pretumorali fino all’80%. Si tratta di esami importanti ai fini della prevenzione, eppure il 33% delle donne italiane non ha mai svolto questa tipologia di test.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>